Caterina Prato

Arte e Restauro

Pittura Zoo
dentro le ..

Dentro le...

dentro le.. part.rad.-2

Part. Dentro le...

manicotto...

Manicotto

manicpart-14

Part. Manicotto

ridillo

Ridillo

ridillopart

Part. Ridillo

starò via.. gen

Starò via



PITTURA ZOO
di Angela Bruschi
Sassoferrato, 2008


Caterina Prato è del Salento, ha studiato all’Accademia di B.B.A.A. di Roma dove ha conseguito il diploma di laurea in pittura con il M° Enzo Brunori. Ha collaborato con architetti, decoratori e restauratori. E' influenzata dal gusto coloristico e dallo spirito informale dei pittori che ama: Rothko, Cy Twombly, Morandi, Simone Martini, Masaccio. Le superfici estese e trattate a velature successive preparano lo spazio al tempo di una scrittura che si allinea con minuscoli tratti e segni. Il pensiero corre verso grandi cartografie che descrivono pensieri di luoghi invisibili. Citazioni di un salento passato, "Terra del Rimorso" per Ernesto de Martino, che Caterina muove nel suo spazio immaginato privo di forza di gravità, di un sopra e di un sotto, di un nord e di un sud. Tracce soprattutto di luoghi della memoria obnubilati da fosche acque trasparenti su cui scintillano brillii di forme note. Una lingua antica, assimilabile alle esigenze espressive dei primi cartografi che, con minuzia eccessiva, descrivono mondi visti o, a volte, solo ascoltati. Percorsi e toponomastiche alla ricerca di una via, in un movimento ciclico a volte lineare a volte spiraliforme, s’intrecciano in un gioco di traits e taches uniti dallo sguardo ingenuo di un sogno fanciullesco. Case, città, alberi, aquiloni, pesci e fiori scompaiono. Riappaiono, si uniscono, s’incontrano e scontrano. Pale eoliche come croci mistiche. Solchi graffi e tormenti che lasciano momenti di quiete e creano vie d’uscita verso destinazioni ignote. Rimandi evocativi a grafie primitive e simboli che si ritrovano a giocare e a far giocare lo sguardo.Si trasformano in texture; parlano di mondi da scoprire sempre esistiti. Segni giocosi come processi indiziari della mente che dal baratro del chaòs arrivano all’immagine del phaòs. Però i giochi non sono tanto innocenti ed ingenui e diventano lacerazioni, ferite. Poche concessioni al cromatismo squillante. Il colore si sovrappone e scompare, alla ricerca di silenzio, l’olio steso e ri-disteso si trasforma in tonalità neutre: verdi-non verdi, blu-non blu, ocra-non ocra. Un colore che s’intona al sentimento di quest’epoca che più che scoprire l’antico, rivive il sogno antico di una verità rivelata nelle apparenze. Il segno rappresenta il presente in sua assenza, si mette al posto della cosa stessa,della cosa presente. L’arte gioca, con le cose ultime, un gioco ignoto, purtuttavia le raggiunge ugualmente(Paul Klee) e in questo mare ristoratore ci si lascia volentieri trasportare dalla larga corrente e dagli incantevoli torrentelli.


© 2010 Caterina Prato - Diritti riservati Contattami